PENSIONATI E SICUREZZA – Sardegna isola felice

Posted By on Apr 14, 2016 | 0 comments


PENSIONATI E SICUREZZA – Sardegna isola felice per famiglie, anziani e pensionati: solo il 16,3% percepisce un’elevata insicurezza.

L’indagine ANAP Pensionati Confartigianato. Paola Montis (Presidente ANAP Sardegna): “Dati incoraggianti ma non bisogna abbassare la guardia e continuare l’azione di prevenzione da parte forze dell’ordine”.

La Sardegna è un piccolo paradiso di tranquillità per famiglie, anziani e pensionati. Questi infatti non si sentono ne’ insicuri ne’ a rischio di reati.

Nell’isola, infatti, nel 2015, solo il 16,3% di questi ha percepito un elevato rischio criminalità (tasso medio italiano del 41,1%), percentuale aumentata solo dello 0,4% rispetto al 2014. Tali dati pongono la regione al penultimo posto della classifica (ultima la Basilicata con il 14%).

E’ questo il risultato dell’indagine “Più sicuri insieme” realizzata dell’ANAP, Associazione Nazionale Anziani e Pensionati di Confartigianato, con il supporto territoriale dell’ANAP Sardegna nell’ambito della campagna promossa dai Pensionati dell’Associazione di Categoria sulla prevenzione dei reati.

 “Anche se i dati regionali sono in controtendenza – afferma Paola Montis, Presidente ANAP-Associazione Nazionale Anziani e Pensionati di Confartigianato Sardegna in ogni caso mostrano come gli anziani siano più esposti ai fenomeni di criminalità e quanto sia necessaria una campagna di informazione che fornisca consigli utili per evitare di incorrere in situazioni di pericolo

Se nell’isola “si può stare tranquilli”, al contrario la regione percepita “più insicura” è il Lazio, con il 51,6%, seguita dal Veneto (47,8) e l’Umbria 47,5%, con un tasso medio nazionale del 41,1%.

Ricordiamo che in Sardegna 1 abitante ogni 5 ha oltre 65 anni e che i fattori che influenzano la percezione di sicurezza della popolazione sono la Comunicazione, le Condizioni di Degrado, il Controllo Sociale, il Capitale sociale e fiducia e il Trend dei reati del periodo precedente.

Nel 2015, a confermare l’isola quale territorio “abbastanza tranquilla”, è il basso numero di denunce per furto in abitazione (9,4×1.000 contro il 17,9×1.000 nazionale) e per borseggio (2,2×1.000 contro il 7,9x.1.000 nazionale).

Però i dati medi nazionali dicono altro.

Il 42,1% degli intervistati ha subito almeno un tentativo di reato negli ultimi 3 anni. La maggiore incidenza di reati si registra per la visita di falsi incaricati di aziende di servizi, rilevato dal 15,8% degli intervistati. Seguono il furto in abitazione o in azienda (12,1%), il tentativo di scippo (8,4%), l’attivazione di servizi non richiesti per via telefonica (7,9%), il furto fuori casa (7,8%), la visita in casa di falsi funzionari pubblici (6,7%), raggiri fuori casa in prossimità di banche, poste, negozi (6%), pratiche commerciali aggressive o poco chiare (3,7%), frode online (2,7%).

L’aggressività delle tecniche di truffe, raggiri e furti e la maggiore fragilità degli anziani porta ad un’alta realizzazione del reato per lo scippo, con l’84,7% dei tentativi riusciti, per il furto fuori casa (83,9%) e per il furto in abitazione/azienda (81%). Più contenuta, ma comunque elevata, la riuscita per i raggiri fuori casa vicino a banche, poste, negozi (48,6%), l’attivazione di servizi non richiesti per via telefonica (42,1%) e le frodi online (40,7%).

Per questo l’ANAP Confartigianato Sardegna, l’Associazione Nazionale Artigiani e Pensionati di Confartigianato, continua la campagna di sensibilizzazione “Contro le truffe agli anziani”, giunta alla seconda edizione, in collaborazione col Ministero dell’Interno, il Dipartimento della Pubblica Sicurezza – Direzione Centrale della Polizia Criminale, con il contributo della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri e del Corpo della Guardia di Finanza.

Continuiamo la distribuzione di vademecum e depliant che contengono suggerimenti per difendersi dai rischi di truffe, raggiri, furti e rapine – prosegue  Paola Montiscosì cerchiamo di sensibilizzare la popolazione anziana sul tema della sicurezza, fornendo informazioni e consigli utili per difendersi dai malintenzionati e per prevenire i reati”. “Semplici regole di comportamento suggerite dalle Forze di Pubblica Sicurezza – continua – per evitare di finire nelle mani di malintenzionati in casa, per strada, sui mezzi di trasporto, nei luoghi pubblici, ma anche utilizzando Internet”.

Le occasioni di potenziale pericolo sono dappertutto e, per ogni circostanza, vengono indicati i trucchi messi in atto dai malintenzionati e i comportamenti da adottare. E la campagna rappresenta un’ulteriore azione di servizio nei confronti non solo della categoria ma delle comunità locali.

Confartigianato è accanto all’imprenditore e alla sua azienda in tutte le fasi dell’attività – continua la Montisdallo sviluppo dell’idea di business alla costituzione, dal finanziamento all’avvio operativo, dalla gestione degli adempimenti amministrativi all’implementazione delle tecnologie e al posizionamento sul mercato, fino al trasferimento di proprietà e ai riassetti societari”.

Non potevamo quindi non essere vicini anche agli anziani – conclude la Presidenteche specie in questi tempi hanno più bisogno di tutele in ogni campo e non solo di sicurezza per se e le proprie famiglie. Per questo abbiamo voluto dopo la firma di un protocollo con il Ministero dell’Interno realizzare una cooperazione tra le forze dell’ordine a livello territoriale”.

WWW.CONFARTIGIANATOSARDEGNA.IT

Responsabile Ufficio Stampa Confartigianato Imprese Sardegna Federico Marini  07044891   3384868726

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *