Artigiani a Palazzo – A Milis l’Artigianato Artistico della Sardegna

ARTICOLO DI CONFARTIGIANATO IMPRESE SARDEGNA

Artigiani a Palazzo: a Milis l’artigianato artistico della Sardegna – Organizzazione a cura di Confartigianato Imprese Oristano

Milis si prepara a celebrare l’artigianato artistico dell’oristanese e del resto della Sardegna.

Sono, infatti, oltre 250 i pezzi d’arte che, dal 11 al 12 novembre prossimi, saranno esposti all’interno di Palazzo Boyl, nel comune del Montiferru, grazie all’iniziativa organizzata da Confartigianato Imprese Oristano, che ha messo insieme le 16 imprese che porteranno le proprie creazioni all’interno della struttura.

Per due giorni, sarà possibile ammirare le opere realizzate dalle sapienti mani dei maestri artigiani che hanno lavorato le materie prime per realizzare ceramiche, ferro battuto, legno, tessuti e ricami, per metterle e a disposizione degli appassionati.

Per l’Associazione Artigiana l’obiettivo della manifestazione è diventare, nel tempo, uno strumento privilegiato per la valorizzazione e la promozione dell’artigianato locale e regionale attraverso la realizzazione di una serie di azioni, anche con le realtà commerciali italiane ed estere. Per Confartigianato Oristano, quindi, l’iniziativa rappresenta un’importante occasione per rilanciare il settore, anche grazie al coinvolgimento delle botteghe artigiane locali.

E’ una vetrina per il nostro comparto che vanta tantissime eccellenze – spiega il Presidente di Confartigianato Oristano, Sandro Paderi – per questo vogliamo portare all’attenzione del grande pubblico le opere realizzate nelle botteghe oristanesi. Autentici pezzi d’arte non sempre conosciute, che nascono dall’estro e dall’esperienza degli artigiani, apprezzati a livello nazionale e internazionale”.

La nostra Associazione sostiene da sempre i mestieri artistici – sottolinea Marco Franceschi, Segretario Provinciale di Confartigianato Oristano – piccole imprese ma grandi nella qualità, nella creatività, nella passione e nel coraggio”. “Questa iniziativa servirà a rilanciare il settore artistico anche in un’ottica contemporanea – continua Franceschi – per guardare sia ai giovani, sia ai maestri più maturi”.

Dello stesso avviso anche Antonio Matzutzi, Presidente Regionale di Confartigianato Sardegna e milese doc: “L’esposizione rappresenta per il turista, ma anche i residenti nella provincia, un’occasione per conoscere da vicino realtà che caratterizzano in maniera unica il territorio; dare la possibilità di ammirare queste opere, frutto delle abilità degli artigiani locali, significa rispondere a quel bisogno di “turismo esperienziale” che parte dalla conoscenza dei luoghi per arrivare a scoprire le persone che esprimono il saper fare locale. Per questo, puntiamo a creare un sodalizio con il paese di Milis che duri nel tempo”.

Per l’Associazione Artigiana oristanese è importante rivitalizzare il settore per non disperdere il patrimonio rappresentato dall’artigianato artistico, testimonianza autentica di una professionalità maturata in tanti anni di lavoro che va assolutamente tutelata per trasferire alle nuove generazioni la passione per le produzioni artigianali di qualità”, sottolineando come occorra “avviare un processo virtuoso che possa rilanciare il comparto dell’artigianato artistico per farlo diventare un’opportunità di lavoro in un periodo particolarmente difficile per le nuove generazioni”.

L’elenco delle imprese che esporranno i loro pezzi

ARTICOLO DI CONFARTIGIANATO IMPRESE SARDEGNA

Autore dell'articolo: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *